Meditare senza pensieri? E’ così che funziona?

statua in bronzo di una testa molto grande su un prato verde

La meditazione è una pratica antica che può portare benefici significativi alla mente e al corpo (QUI parlo dei benefici sulla riduzione dell’ansia). Tuttavia, per molti principianti, sedersi in silenzio e cercare di calmare la mente può sembrare un compito impossibile, specialmente se la mente è costantemente piena di pensieri. In questo articolo, esploreremo come una persona può iniziare a meditare anche se fatica a fermare il flusso incessante dei pensieri.

Meditare senza pensieri?

Riconoscere l’attività della mente è il primo passo essenziale per avviare una pratica meditativa efficace e gratificante. Prima di immergerti nella meditazione, è importante comprendere che è assolutamente normale che la mente sia attiva e traboccante di pensieri. Non devi sentirti frustrato o scoraggiato da questa realtà mentale. Accettare che i pensieri fluttuino e varino è fondamentale per intraprendere un cammino di meditazione con successo. Questo atteggiamento di accettazione apre le porte a una maggiore consapevolezza e presenza mentale durante la pratica.

Praticare la consapevolezza è uno dei pilastri fondamentali della meditazione. La mindfulness implica l’osservazione dei tuoi pensieri senza giudizio. Puoi coltivare questa pratica focalizzandoti sul respiro o su un oggetto. Quando la tua mente inizia a vagare, puoi gentilmente riportare la tua attenzione al respiro, senza auto-flagellarti per la distrazione. La consapevolezza ti aiuta a sviluppare un atteggiamento di gentilezza e accettazione verso te stesso, aprendo la porta a una comprensione più profonda di te stesso e del mondo che ti circonda.

Inoltre, le meditazioni guidate dovrebbero essere viste come risorse preziose, soprattutto se sei alle prime armi con la pratica della meditazione. Esistono numerose risorse online, come app e video, che offrono meditazioni guidate condotte da insegnanti esperti. Queste sessioni guidate forniscono una struttura chiara e supporto durante l’esercizio, aiutandoti a mantenere la concentrazione e a navigare attraverso le varie fasi della meditazione. Questo tipo di approccio può essere particolarmente utile quando si ha difficoltà a controllare i pensieri e a stabilire una pratica autonoma. Le meditazioni guidate offrono un punto di partenza accessibile e confortevole per coloro che desiderano esplorare i benefici della meditazione senza sentirsi sopraffatti dalla propria mente.

Ti ricordo, inoltre, che come facilitatrice mindfulness metto a disposizione di tutti gli interessati il “Piccolo manuale di vita consapevole“. Un manuale che ti spiegherà come avvicinarti alla mindfulness e che ti fornirà un planner settimanale per incorporare le pratiche di mindfulness nella tua routine.

Meditazione in pratica

La pratica della respirazione profonda e del rilassamento prima della meditazione rappresenta un momento cruciale per preparare il corpo e la mente al lavoro interiore che seguirà. Attraverso la respirazione consapevole, siamo in grado di connetterci con il nostro respiro, che è un ponte tra il corpo e la mente. Inspirando profondamente, si porta ossigeno ai tessuti e si attiva il sistema nervoso parasimpatico, responsabile del rilassamento e della rigenerazione. Questo crea uno spazio interno di calma e tranquillità che è essenziale per una pratica meditativa profonda ed efficace.

Inoltre, l’uso di tecniche di rilassamento come lo yoga o il tai chi può aiutare a sciogliere le tensioni accumulate nel corpo, creando una sensazione di leggerezza e apertura che favorisce una maggiore concentrazione e consapevolezza durante la meditazione. Queste pratiche non solo rilassano i muscoli e migliorano la flessibilità del corpo, ma anche calmano la mente e promuovono una sensazione di benessere generale.

Quando si tratta della pratica costante e della pazienza, è importante capire che la meditazione è un viaggio, non una destinazione. Richiede tempo, impegno e dedizione per sviluppare una pratica meditativa significativa e duratura. Anche se all’inizio potrebbe sembrare difficile calmare la mente e restare presenti, è importante non scoraggiarsi. Ogni momento passato nella meditazione è un momento di apprendimento e crescita personale. Con il passare del tempo e con la pratica costante, si inizia a sperimentare una maggiore stabilità mentale, una maggiore chiarezza e una maggiore capacità di affrontare le sfide della vita con calma e consapevolezza. La pazienza è la chiave per questo processo, poiché ogni passo avanti, anche il più piccolo, è un progresso verso una maggiore armonia e benessere mentale ed emotivo.

Iniziare a meditare quando la mente è piena di pensieri può sembrare una sfida, ma con pazienza, pratica e gentilezza verso te stesso, puoi sviluppare una pratica meditativa significativa. La meditazione può portare calma, chiarezza mentale e riduzione dello stress nella tua vita quotidiana. Ricorda di essere gentile con te stesso e di accettare i pensieri che vengono durante la meditazione. Con il tempo e la pratica regolare, scoprirai che la tua mente si calmerà e potrai godere appieno dei benefici della meditazione.

Grazie per aver dedicato del tempo per la lettura di questo articolo e per essere parte di questa meravigliosa avventura. Ti auguro una vita splendente, Anna.

Post Correlati

Restiamo in contatto

Sentitevi liberi di chiedermi ogni tipo di informazione o delucidazione sul mondo della mindfulness e della meditazione. Ricordate sempre che NON ci sono domande giuste o sbagliate ma solo la travolgente volontà di conoscere.